FOREVER NIGH degli ET BOYS illumina con luci synthpop ed elettronica

Gli ET Boys sono due fratelli latini di nome Tacboy e Sharkeyes. Nato a Chicago ma originario di Broward County, Florida, Tacboy assume il ruolo di cantante – paroliere creando le canzoni scritte ed eseguite da Sharkeyes. Brani martellanti, come testimonia Forever night.

L’album, ascoltato in anteprima da Accesso Riservato, punta sull’elettronica e la dance per stupire l’ascoltatore. E lo fa fin da Sober, brano in cui tastiere e campioni vanno di pari passo con ritmiche non eccessivamente ossessive eppure in linea con i cliché da discoteca.

Il synthpop proposto dal duo è pubblicato da Wake Up! Music. 11 i brani contenuti nel lavoro, sicuramente superiore alla media per risultato raggiunto. Melodie non sgargianti, non eccessive, ma coerenti all’interno di una proposta comunque altra rispetto a tante.

Alla fine del lavoro si arriva freschi. Quindi bene, anche perché pure il cantato, e le relative linee vocali, non sono scontate. O quantomeno irradiano una luce color electro, in un mondo pieno di sbrilluccichii inutili gli Et Boys colpiscono nel segno.

La profondità dell’oceano narrata dalla voce incantevole di SNYDER

Appena comincia How deep is the ocean la scena che si para dinanzi è quella di un cocktail party, di quelli visti nei film americani, con una donna aggraziata con un abito aperto sulla schiena. Tutti si muovono con grazia, gli uomini sono affascinanti come Paul Newman.

In sottofondo un piano, e la vocalità da crooner di Richy Snyder, che intona “How much I love you, i tell you no lie…”. E quanto profondo è l’oceano, se non un piano, delle percussioni leggerissime e una voce incantevole? Sì, dev’essere proprio così che sentono le balene.

Ad essere onesti non è solo la voce ad essere incantevole, è tutto il vestito, costruito con un approccio lounge jazzato, leggero e d’atmosfera, che alle parole comprensibilissime dà quell’afflato che – sono certo – anche alcuni eroi della musica hanno ambito – in certi brani – senza giungere al quid.

E allora benvenuto Snyder, che su Facebook ha un ottimo seguito, e a ragione. Il brano fa parte di un album pubblicato originariamente 5 anni fa, intitolato Gee baby, ain’t i good to you?

FIRST SUPPER per DESON

Cos’è il rap se non la musica di questi tempi? So che può sembrare una provocazione, in quanto so perfettamente che la Def Jam e la nascita del rap sono da ricondurre prima, ma non è forse vero che oggi questo genere ha assurto una rilevanza sociale e musicale assoluta?

Sembra saperlo Deson Teninchy, in arte Devon, rapper che pubblica l’album The last supper. Album che ho ascoltato, conscio della difficoltà nel comprendere ogni parola per un semplice motivo: sono italiano, lui americano. Ma la musica, si sa, comunica oltre il testo. E così è.

Ed è un rap che arriva dritto come un fuso, con basi che hanno senso e peso specifico. Sarà forse anche a causa di certi ascolti del nostro, concentrato anche su altri stili oltre che sull’hip hop? Ne esce un poeta di strada, coscio di ciò che vuole, con un flow dinamico e valido.

Pur vero che oggi il successo si misura sugli ascolti, sui freddi numeri. Ma è un errore. Grave. Perchè la musica ci parla ascoltandola, concentrandosi su di essa. E seppur non tutti i passaggi di questo album siano semplici, è proprio l’attenzione che gli si dona a far tornare indietro il dovuto.

(E)Vento, What??: sabato 5 novembre 2022 al Palapesca di Sommacampagna (VR)

L’associazione culturale (E)Vento tra i salici torna con (E)Vento, What?? sabato 5 novembre dalle ore 21:00 presso il Palapesca di via Cesarina 16, a Sommacampagna (VR). Una serata di musica originale, arte e artigianato, e collaborazioni con realtà del territorio.

Dopo cinque anni dall’ultimo Swap Festival organizzato al Palapesca, l’associazione ritorna a Sommacampagna con l’obiettivo di supportare la creatività giovanile promuovendo uno spazio di svago fatto di stimoli in ambiti quali la musica, l’arte e l’associazionismo; temi che sono sempre stati importanti per i ragazzi dell’associazione.

In collaborazione con le associazioni culturali e giovanili Wonderlake Festival di Lazise, Rock This Town di Peschiera del Garda e con il patrocinio del Comune di Sona, l’evento vedrà esibirsi le band Vailixi e What Garda Valpo Jumpin’ Squad e, in chiusura, Dj All Nylon. Durante la serata sarà presente un’area market con stand di artisti emergenti, artigiani, vinili e cd da collezione e realtà territoriali.

L’evento è gratuito con tesseramento obbligatorio di 10,00 € valido fino al 31 dicembre 2023. Info & prenotazioni: https://bit.ly/3rGakjY
L’associazione (E)Vento tra i salici nasce nella provincia di Verona nel 2013, con l’intento di dare una voce concreta alla creatività giovanile grazie alla promozione e organizzazione di eventi culturali. L’obiettivo è quello di creare spazi adeguati per l’espressione sana e costruttiva dei giovani, fatta di arte, musica e divertimento, ma anche rispetto, solidarietà e senso civico.

Negli anni, i ragazzi di (E)Vento tra i salici hanno organizzato: East Coast Fest (2013), Festival tra i salici (2014/2015), Circus Fest (2016), Gutenberg tra le mura (2016), Merry Gutenberg (2016), Rassegna Musicale (E)Venti Gutenberg (2017), Swap Festival (2017), Tiki Party (2017), Progetto Sonart (2018), Da Sbrego a Sfardo (2018), Rassegna Tappeto Rosso – Comune di Sona (2018/2019), Rassegna: Tre Semplici Domande (2019), Incontro tra le arti (2019), Rassegna: Cantautori nel Parco (2019) e appuntamenti realizzati in collaborazione con Carta Giovani Vr, come
Oh PerBacco! (2020), Ferite nella Foresta (2020) e altri.

Appuntamenti con il rock a Peschiera (VR). C’è GIANNI DELLA CIOPPA.

L’associazione culturale Rock This Town di Peschiera del Garda (VR), dopo la pausa estiva, ha ripreso le attività presentando un ricco calendario di appuntamenti che accompagneranno gli associati fino a dicembre.
Jam session, teatro, conferenze musicali e serate ludiche, per dare spazio un po’ a tutti e creare quei momenti di socialità che nell’ultimo biennio è venuta meno. 

IL CALENDARIO DEGLI APPUNTAMENTI 

OTTOBRE
gio 20 – “Woodstock” con Gianni Della Cioppa 

NOVEMBRE
gio 10 – “No gh’è sonar che straca” – Jam session
gio 24 – “Grunge” con Gianni Della Cioppa 

DICEMBRE
ven 9 – “Il rock italiano” con Gianni Della Cioppa
gio 15 – “Qui non è New York”- Medley teatrale (è sempre consigliata la prenotazione)

Gli appuntamenti si terranno presso la sala prove Rock This Town/InformagiovaniCaserma d’Artiglieria di Porta Verona – Peschiera d/G (VR) Info e prenotazioni sulle pagine Facebook Instagram dell’associazione.­
­L’Associazione Culturale Rock This Town, fondata nel 2010, a Peschiera del Garda, si occupa della gestione di una sala prove comunale, organizza eventi e promuove attività culturali di vario genere. 

Rock ed elettronica per un rumorismo centrato: il singolo di VERTACYN ARC MATERIALIZER

Sono gli effetti e il modo in cui sono utilizzati il vero focus di Nicotine Chewin Gum, singolo di Vertacyn Arc Materializer, tratto dall’album Phlodd. Il progetto di San Francisco è ammantato nel mistero. E così lo è anche la scelta di soluzioni che, almeno per questo singolo, definirei originali.

Un termine, raro oggigiorno. Ma ad una base rock senza fronzoli, con batteria, basso e chitarre discretamente slabbrate, il nostro aggiunge un turbinio di emozioni sotto forma di rumorismo e melodie talmente filtrate da risultare stranianti. Ma, lo sottolineo, sempre convincenti.

Insomma, non solo gli FX non disturbano la composizione, bensì smuovono nell’ascoltatore un’attenzione maggiore. Il pezzo entra subito, con il suo cantato apparentemente senza pretese, con un andamento saltellante, con tastiere ondulate e batterie scevre di pompaggi e loudness particolari.

Suona, insomma, naturale, ma rumoristico. Il flavour mi ha ricordato certe atmosfere create dai Nine Inch Nails, ma non è tutto lì. C’è anche una certo afflato punk (Sex Pistols?) e una voglia di ampliare il tutto con un’elettronica ben interpretata. Promosso.

FINE DI MONDO: 3 giorni di festival nel verde di Verona dal 14 al 16 ottobre

Il 14-15-16 ottobre a Verona si terrà il “Fine di Mondo Festival”: tre giorni di musica, intrattenimento, condivisione, divertimento, buon cibo e ottima birra.

A ospitare il festival, un ampio spazio verde situato in via Cà di Cozzi 53/B, a ridosso della città, nei pressi di un suggestivo vigneto. Gli spettacoli musicali si svolgeranno su due palchi distinti: un main stage dedicato ai concerti live e un club stage dedicato ai dj set, offrendo così un’ampia scelta ai partecipanti.

Il festival ospiterà diversi generi musicali, tra i quali hip-hop, scratch, groove experimental, rap, r’n’b, funk, rock, blues, elettronica pop, house, jazz, microwawe soul, space funk, dreamgaze, electro-pop, dream-pop, drum/bass, turntables.

Si esibiranno: Dj Gruff, Savana Funk, Studio Murena, Herman Medrano & Kalibro, The Tangram, Vertical, A/lpaca, Kæry Ann, CYBELE, You Nothing,
Anna e l’Appartamento, NUMB, URLO, Rocket Radio Djs, Maidato,
The Visionaire, Dj Müll b2b Karola Hoffer, Caste (The Italo Job), Mobororé b2b Everest Parisi, FDP SISTEMA, Cumulonembi.

Ma il festival non sarà soltanto musica, sono organizzate infatti numerose attività per offrire momenti di benessere e divertimento a tutti i partecipanti. Tra le attrattive vi saranno: torneo di pallavolo, calcetto balilla, spazio per la giocoleria, yoga, percorso sensoriale nei sentieri del gusto, performance di danza “Solitario”, laboratorio giochi da tavolo, mercatini di artigianato e tanto altro.

La realizzazione dell’evento non sarebbe stata possibile senza il supporto di alcune realtà veronesi importanti come la Cooperativa Sociale Hermete, che lavora per lo sviluppo educativo, sociale e culturale nel territorio della provincia di Verona, l’Associazione Culturale MultiTraccia, che si occupa di organizzazione eventi e gestione progetti culturali in Valpolicella, Ortonuovo, azienda specializzata
nella lavorazione di prodotti ortofrutticoli con a cuore la qualità e la naturalezza delle materie prime e l’Associazione Culturale Eclettica.

L’evento è patrocinato dal Comune di Verona.
Info e dettagli
14 Ottobre: ore 18:00 – 00:00
15 Ottobre: ore 11:00 – 00:00
16 Ottobre: ore 11:00 – 23:00

I partecipanti di età inferiore ai 14 anni potranno accedere all’area del Festival gratuitamente. Il biglietto per tutti gli altri ha un costo di 13 euro + diritto di prevendita per un singolo giorno, mentre l’abbonamento a tutti i tre i giorni è di euro 30 + diritto di prevendita.

I biglietti sono acquistabili sia su TicketOne che all’ingresso del festival.
Saranno a disposizione due aree parcheggio raggiungibili da Lungadige Attiraglio nei pressi di Corte Molon. Considerate le attività musicali, non sarà consentito l’ingesso ai nostri amici a quattro zampe per la tutela del loro benessere.

Biglietti: https://www.ticketone.it/artist/fine-mondo-festival/

Fine di Mondo è un’associazione culturale nata a Verona nel 2019 da un gruppo di amici con la passione per la musica. La mission è creare un ambiente in cui ognuno possa esprimersi liberamente, favorendo la creatività, l’arte, il confronto reciproco e la condivisione di sogni e progetti. La vision è quella di valorizzare il territorio grazie a iniziative culturali stimolanti e aperte a tutti, con focus sulla musica.

L’Associazione, che conta circa 200 soci, ha organizzato anche il Mirror Festival a Forte Sofia (VR); Delirium Fest, Lausen Rock Festival, oltre a numerosi concerti con artisti nazionali e internazionali nella provincia di Verona.

CONTATTI FINE DI MONDO FESTIVAL
https://www.facebook.com/finedimondofestival/

SottoSuolo: al via l’11ma edizione del programma in onda su Yastaradio.com

SottoSuolo è un programma nato nel 2011 sulla webradio Yastaradio.com, ideato e condotto da Alberto del Grande (Malbo).

Nei dieci anni trascorsi (il 2012 è saltato), il programma ha dato spazio a numerose band emergenti e locali, attive soprattutto nel panorama musicale veronese, ma ha realizzato anche interviste a band e artisti più conosciuti, come Giorgio CanaliManagement (in era Del Dolore Post Operatorio), The Zen CircusBologna ViolentaGiorgieness e altri. L’idea alla base del programma è quella di amplificare il messaggio di band o realtà come giornalisti, autori, attori, organizzatori di festival ed eventi, associazioni culturali e simili, dando loro lo spazio che meritano, in un mondo e in un momento storico nel quale le informazioni ci bombardano, sotterrando nell’ombra molte iniziative meritevoli e di qualità.­
­UN PICCOLO CONFESSIONALE SOTTERRANEO AMPLIFICATO­
­Non ci sono mai stati limiti di genere musicale o sui temi da trattare, proprio come accadrebbe in un salottino a casa di amici, con un divano e un paio di birre.
Tra gli ospiti in trasmissione hanno partecipato: Le pistole alla tempia, What a confusion, Masons, Veronica Marchi, Bruce Turri e The Factory, Schneider Nur, C+C = Maxigross, Twintera, Wired Sophia, Black Dago, Francesco Bommartini, Café Desordre, Potaporco, Andrea Lovato, Oui The North, NØEN, BestOff, O’ Ciucciariello, Valeria Battaini, I Disumani, The Criminal Chaos.

Inoltre ha presenziato come media partner al Circus Fest organizzato dall’Associazione Culturale (E)vento tra i salici e ad altri eventi locali, intervistando altrettante band in occasione delle rispettive esibizioni live. Il biennio pandemico ha obbligato il conduttore a sospendere le interviste in presenza, proponendone solo alcune e telefoniche. 

La speranza e l’intenzione per questa undicesima edizione è quella di poter tornare a ospitare mensilmente artisti, associazioni e personaggi attivi nella scena culturale del nostro Paese e locale. 

SottoSuolo va in onda su Yastaradio.com il giovedì alle 15:00 e in replica il sabato e il martedì mattina alle 9:00.

AMBRAMARIE e MEGANOIDI il 7 e 8 ottobre al ROCK ‘N BEER di Sandrà (VR) a ingresso libero

Saranno due giorni di rock e birra quelli del Rock ‘n Beer, manifestazione che si terrà venerdì 7 e sabato 8 ottobre nella tensostruttura montata in piazza S.Andrea a Sandrà di Castelbuovo del Garda (Vr). Dalle 20 si esibiranno 3 band a serata, con protagonisti assoluti gli headliner Surrealistic Pillow (con Ambramarie di Radiofreccia) e i Meganoidi. L’organizzazione dell’evento è ad opera di Amici per Sandrà e Anthill Booking, in collaborazione con Comune di Castelnuovo del Garda e Splatter Bar (che il 6 ottobre ospiterà i Cactus Quillers).

Nello specifico la serata di venerdì 7 ottobre sarà chiusa da Surrealistic Pillow (con Ambramarie di Radiofreccia), band cover rock anni ’60 e ’70 in cui la ex partecipante di X-Factor 2009 tirerà fuori la sua voce graffiante. La cantante ha all’attivo anche conduzioni a RockTv, Radio Deejay e, attualmente, Radiofreccia. La sua prestazione sarà anticipata da due band underground: il cantautore Neroluce (ospite recentemente anche di Red Ronnie) ed Ecofibra, alternative rock band molto attiva.

Sabato 8 ottobre i Meganoidi faranno rivivere alcuni brani che hanno infiammato l’inizio degli anni 2000 in Italia come Meganoidi, Supereroi contro la municipale e Zero Reticoli. Li affronteranno in versione acustica. Dalle 20 suoneranno anche il cantautore Michele Mud (che ha collaborato anche con Cerasuolo dei Perturbazione per un brano) e I Vuoti a Perdere, quartetto che propone cover varie.

Durante la manifestazione sarà possibile cenare scegliendo da un menù in stile Oktoberfest, con tanto di stinco, patate, crauti, strudel, torta sacher e ovviamente molte birre di diversa tipologia. Ci saranno anche i dolci alla birra proposti dalla pasticceria Crazy Bakery. Presente anche il banco di dischi di RockAt, con centinaia di offerte di cd, vinili e libri musicali.

L’ingresso alla manifestazione è gratuito.

Rock ‘n Beer si svolgerà anche in caso di maltempo.

Narrazioni musicali e concerti con NOVECENTO e musica per bambini con BEST OF a Bologna

Come da tradizione, il Museo internazionale e biblioteca della musica di Bolognariprende la programmazione della stagione autunnale con due rassegne molto seguite e apprezzate dal pubblico di adulti, giovani e famiglie.
Al via contemporaneamente da domani, fino al 18 dicembre 2022, tornano le rassegne #novecento i musicisti raccontano i musicisti, dedicata alla riscoperta delle espressioni di rock, jazz e contemporanea del XX secolo, e The best of , la rassegna di laboratori e spettacoli musicali propone a bambini e genitori per trascorrere il weekend insieme giocando, imparando e divertendosi con la musica.

#novecento è la rassegna di narrazioni musicali, incontri e concerti, in cui i musicisti (e non solo!) raccontano in parole e musica la storia, i personaggi, gli stili, gli anniversari e i capolavori della loro arte durante il lungo secolo breve.
Diversi i cicli di appuntamenti previsti: si parte con Good vibrations il ‘900 pop raccontato in parole e musicain cui alcuni tra i più noti scrittori contemporanei raccontano la mitologia dell’Olimpo della popular music attraverso le proprie interconnessioni e ossessioni con un artista da loro amato, in dialogo con i brani entrati nell’immaginario collettivo e reinterpretati dai musicisti più interessanti della scena rock, folk, pop e punk odierna.
Uno sguardo unico, curioso, antiaccademico – in una parola, pop – su quelle musiche e quei volti che ormai fanno parte a tutti gli effetti del nostro immaginario collettivo, spaziando tra nomi che fanno parte della nostra storia personale – da Lucio Battisti Francesco Guccini, da Simon&Garfunkel a Lucio Dalla – con un’incursione nell’indimenticabile storia del punk bolognese.
Novembre è sempre tempo di jazz con Jazz Insightla storia del jazz vista “da dentro” e raccontata dalla prospettiva di Emiliano Pintori al pianoforte, accompagnato in ogni appuntamento da uno o più special guest. Solo per citare alcuni dei protagonisti più che illustri nel 2022: Dave BrubeckCharles MingusAretha Franklin.
Ultimamusicamusiche “inaudite” di questo (e altri) secoli” incontra il “secolo breve”: un’epoca fremente, impetuosa, a tratti problematica e avvolta in una mitologia tutta da conoscere. Dieci appuntamenti dedicati ai linguaggi, ai protagonisti, alle idee, alle curiosità e agli strumenti che contraddistinguono la “contemporanea” di oggi e del secolo appena passato: dall’omaggio a Sylvano Bussotti ad un giovane Arnold Schönberg che compone i Brettl-Lieder per l’inaugurazione del primo Kabarett di Berlino, dai 100 anni dalla composizione di Suite 1922 di Paul Hindemith ai 100 anni dalla nascita di Iannis Xenakis, a due grandi compositori contemporanei come Adriano Guarnieri e Giacomo Manzoni.
#novecento 2022 è realizzato con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna.

A bambini e genitori è espressamente dedicata la rassegna di laboratori e spettacoli musicali The Best of che il museo propone per trascorrere il weekend insieme giocando, imparando e divertendosi con la musica.
I piccolissimi della fascia d’età 0-36 mesi con i rispettivi genitori sono protagonisti del progetto Mamamusica, riproposto puntualmente in versioni sempre nuove: entrano a far parte del cerchio di suoni che avvolge bimbi e adulti nuovi strumenti musicali, nuove voci, nuovi repertori appositamente arrangiati e preparati per il progetto. Nel laboratorio prima e nel Concerto disturbato poi, i bimbi potranno gattonare a ritmo delle musiche suonate e cantate dal vivo dai musicisti e dagli stessi genitori.
I bambini di età compresa tra i 2 e i 6 anni potranno invece giocare a diventare piccoli poeti o imparare a trasformare le parole attraverso il corpo e il corpo attraverso le parole con i due laboratori Voce verso rima e Bella storia!
Novità di questa edizione un focus dedicato al Brasile: i più grandi si cimenteranno nella Capoeira, forma d’arte che combina ritmo, movimento e gioco. Gioco, lotta, danza… l’unico modo per capire veramente cos’è la Capoeira, è provarla!
Inoltre il programma si arricchirà del progetto PICCOLO – concerto delle piccole cosenato dall’incontro artistico e di pensiero tra il Coletivo Morada di Brasilia e Antonio Catalano, attore, artista, scultore, pittore, scrittore e molto altro.
Oltre al laboratorio-spettacolo sarà allestita l’installazione poetica di Gabriel Guirà dal titolo Aldeia Adormecida e il progetto interattivo di fotografia e arti visive Através da Fresta di Nath Britto.