Sabato 16 e domenica 17 ottobre: FIERA DEL DISCO a FERRARA

Organizzata dall’Associazione Culturale Kolosseo sabato e domenica 16-17 Ottobre, ritorna a Ferrara, nel padiglione 4 della zona Fiera, l’appuntamento con
la “Mostra mercato del disco, del cd e del dvd usato e da collezione”.

La manifestazione si svolgerà dalle ore 9,30 alle ore 19,00 di entrambi i giorni e vedrà la partecipazione di più 80 espositori italiani e stranieri. Alla fiera del disco è possibile trovare materiale che soddisferà il semplice ascoltatore o amante della buona musica ma anche il collezionista più esigente, alla ricerca del pezzo raro o della curiosità per completare o espandere la propria collezione.

Gli amanti del rock più classico potranno trovare rarità di Beatles, Rolling Stones, Led Zeppelin, U2, Pink Floyd, o Bruce Springsteen, Elvis Presley (in fondo, il Re del rock’n’roll è sempre lui!), Patti Smith e tanti altri. Di Elvis sono molto ricercati gli Extended Play (ovvero i 45 giri con più di due canzoni) stampati nel nostro Paese tra la fine degli anni ’50 e l’inizio dei ’60. Del gruppo di Bono i primi singoli pubblicati nel 1978 e 1979 hanno raggiunto un’elevata quotazione. I Beatles e i loro rivali RollingStones, nonostante abbiano una vasta discografia, hanno ancora dei pezzi
molto ambiti soprattutto le incisioni realizzate agli inizi di carriera. Degli Zeppelin sono molto ricercate le stampe realizzate al di fuori dei confini inglesi e americani: le pubblicazioni originali del Paese del Sol Levante sono oggi croce e delizia di ogni collezionista!

Una folta schiera di fan del metal frequenta assiduamente la fiera: infatti alcune edizioni di mostri sacri dell’Hard e dell’Heavy come Metallica, Aerosmith, Iron Maiden e Manowar hanno raggiunto una ragguardevole quotazione. Ultimamente però le ricerche di molti collezionisti si sono spostate verso sonorità particolari come le colonne sonore di film oscuri usciti tra la fine degli anni ’60 e la prima metà dei ’70 oppure i materiali utilizzati per sonorizzazioni di pubblicità e documentari fanno oggi la felicità di questi veri e propri ricercatori. Il genere, che alcuni definiscono lounge e altri più semplicemente pop, è caratterizzato da orchestrazioni, strumenti a fiato quali il flauto oppure il suono vellutato del Fender piano, batterie sincopate, il tutto a creare delle atmosfere molto particolari.

Alcuni nomi? Gruppi come Mirageman, Orchestra Cordara e McKarl quelli più altisonanti e ricercati; ma anche compositori come Pregadio, Bacalov, Piccioni e Trovajoli sono costantemente richiesti da molti appassionati.
La musica italiana fa la sua parte con i grandi classici come Lucio Battisti, Renato Zero, Vasco Rossi (anche lui molto collezionato) e Zucchero. Di Battisti, oltre alle sue primissime incisioni (Per una lira e Luisa Rossi) sono molto richieste le incisioni in altre lingue (addirittura in francese e in tedesco oltre che spagnolo e inglese) tra tutti l’album Unserfreieslieder realizzato completamente in tedesco per il solo mercato teutone! Molto richieste anche le canzoni che Lucio ha composto per Lauzi, Patty Pravo e DikDik oltre ai meno noti – ma non per questo meno interessanti –
Balordi e Giuliana Valci.

E poi ancora Pooh, Adriano Celentano, Who, Johnny Hallyday, Mina, Jimi Hendrix, Nomadi, Mia Martini, Queen, Fred Buscaglione, Frank Zappa, Police…
Insomma: buona caccia!

OTHERSIDE è il nuovo album dei FALLEN ANGELS, in pubblicazione con ANDROMEDA RELIX

Sarà pubblicato il 15 ottobre 2021 da Andromeda Relix Otherside, il secondo album dei Fallen Angels, disponibile in CD e in STREAMING. L’etichetta, attiva da oltre 20 anni nel panorama rock e metal italiano, pubblicherà un lavoro in cui responsabilità, artistica e sociale, si fondono con la voglia di sovvertire lo status quo.

Hard rock e glam sono le influenze da cui hanno avuto genesi i Fallen Angels, che con Otherside sparigliano le carte, puntando su canzoni più curate rispetto a quelle del precedente Even priest knows (pubblicato da Sliptrick Records). Osano i ragazzi, così come fanno nei loro incendiari concerti. Guardano avanti, senza superbia, consci di limiti e punti di forza, molteplici e notevoli.

Ecco il trailer di presentazione: https://fb.watch/8s-ZTP9gAk/

Il disco, registrato nell’Hypnoise Studio di Grisignano (VI), ha una produzione all’altezza dei risultati che i Fallen Angels volevano raggiungere, con una sezione ritmica solida e la chitarra ben sottolineata nel mix. Tutto sublimato dal mastering del Basement Studio di Vicenza.

La cover del nuovo album

I Fallen Angels sperimentano in modo efficace, puntando sempre sulla forma canzone, fondendo stili musicali in modo insolito, distruggendo nicchie con l’obbiettivo di creare una comunità musicale trasversale. Un approccio che si contrappone alla verticalizzazione a tutti i costi, accompagnato dal rifiuto del compiacimento da parte di un target predefinito.

Lo si capisce ascoltando le 14 canzoni che compongono Otherside. Una miriade di diversità che unendosi formano un disco sorprendente, in cui gli echi prog di Desert Way non cozzano con la solida The Envy, in cui il riffing rock e le tastiere ariose di Merchant in the middle (anche primo singolo, con video) non stonano con il piano alla Elton John di Woman.

Con il nuovo album i Fallen Angels incitano al cambiamento, all’evasione, alla ricerca di un’altra via, a ribellarsi alle regole. E’ un invito a rifiutare il distacco sociale e il razzismo musicale generato dalla negazione per quel che è diverso, dalla pigrizia di conoscenza.

ALEX RICCI_Il cantautore e chitarrista degli Après La Classe, ospite a Verona del Mura Festival_domenica 19 settembre ore 21

ALEX RICCI, cantautore e chitarrista degli Après La Classe, sarà a Verona, domenica 19 settembre (ore 21), al Bastione di San Bernardino, ospite del Mura Festival.

Nel corso del 2021 di Alex Ricci sono usciti 3 singoli (“Stanotte ritorno da te”, “Cambierà” in collaborazione con Carmine Tundo de La Municipal, e “Cambierà”), che anticipano l’album “La Verità”, in uscita entro la fine dell’anno, che conterrà 11 canzoni con featuring importanti come Erica Mou, Après La Classe, Corey Harris, 2Moellers.

Alex Ricci aprirà la serata caraibica del Mura Ludica Buskers Festival con i Puran Puran Foundation.

BIO

Alex Ricci, chitarrista, cantautore, compositore e autore, inizia a suonare a 9 anni. Oggi è considerato uno tra i migliori chitarristi blues italiani. Nel 2004 partecipa al Pistoia Blues Festival. Nel 2006 suona con Dywane Thomas (padre di MonoNeon), parte per Londra, si esibisce nei club della capitale e frequenta il bluesman Otis Grant. Dal 2007 è il chitarrista degli Après la Classe, lavora a quattro album e ai tour in Italia e all’estero (USA, EU). Nel 2008 riceve il “Premio Lorenzo Vecchiato” come migliore artista blues. Nel 2013 presenta il primo album, “Gonna Rossa”, 11 canzoni blues/rock/pop. Nel 2014 nasce Idea Sonica, la sua scuola di chitarra a Giulianova (TE). Nel 2015 si aggiudica il 2° posto come miglior chitarrista della scena indipendente. Nel 2018 collabora con il Bluesman Corey Harris. Il 2 febbraio 2019 esce “Quello che voglio” e il 26 giugno 2019 “Ogni volta”, i nuovi singoli del secondo album “La Verità”, prodotti da Raffaele“Rufio”Littorio (Lauro, Fedez, Annalisa), mixati da Simone Bertolotti (Bugo). Il 22 febbraio 2020 esce il terzo singolo “Non mi basteranno mai” feat. Après La Classe & Corey Harris. Il 15 gennaio 2021 esce “Stanotte ritorno da te”, primo singolo con la discografica FreecomHub/Cosmica, il 16 aprile 2021 “Cambierà” feat. Carmine Tundo (La Municipal), e il 18 giugno 2021 “Portami Via”, una vera e propria bomba solare. La Verità”, che verrà pubblicato nel 2021, è un album composto da undici canzoni inedite fra il pop e il folk. Featuring come Erica Mou, Après La Classe, Corey Harris, Carmine Tundo (La Municipal), 2Moellers danno un grande contributo artistico a un album fatto bene.

BIGLIA: 4 live club e 2 teatri uniscono progettazione e competenze artistiche per tornare in pista e rispondere alla crisi del settore concertistico

BIGLIA – palchi in pista per la musica dal vivo, è il nuovo circuito ATER dedicato alla musica dal vivo, presentato in conferenza stampa il 15 settembre presso il Locomotiv Club di Bologna. BIGLIA rappresenta un nuovo sistema di cooperazione tra soggetti diversi per rimettere al centro la performance dal vivo tramite la progettazione di contenuti musicali ad hoc, con l’obiettivo di sviluppare nuovi modelli di gestione artistica e organizzativa, in cui i live club e i teatri coinvolti sono insieme ideatori, promotori e fruitori.

La nuova rete è costituita da quattro live club tra i più importanti della regione (Locomotiv Club di Bologna, Bronson di Ravenna, OFF di Modena, Circolo Arci Kessel di Cavriago, RE) insieme a due teatri del Circuito Regionale Multidisciplinare di ATER Fondazione (Teatro Comunale “Laura Betti” di Casalecchio di Reno e il Salone Snaporaz di Cattolica). L’obiettivo è quello di rispondere a una situazione economica, lavorativa e organizzativa di profonda crisi strutturale, facendo rete nel processo decisionale, progettuale e di proposta al pubblico. Professionalità ed esperienze a confronto, interdisciplinarità culturale e sperimentazione musicale sono le parole chiave di BIGLIA, per un susseguirsi di nuove traiettorie e collaborazioni, buone pratiche e progettualità condivise sui territori, con il coinvolgimento di diversi generi di pubblico, operatori e artisti.

Tra le prime iniziative lanciate da BIGLIA, la realizzazione per la stagione autunnale di due tour inediti che vedono l’interazione sul palco di artisti selezionati tra le migliori proposte nazionali e internazionali, ospitati nei live club aderenti al circuito.

Gli ON

Ad inaugurare BIGLIA dal 21 al 24 ottobre sarà infatti il progetto ON, un originale e potente trio composto da Riccardo Sinigallia (cantautore, autore e produttore romano), Adriano Viterbini (fondatore dei Bud Spencer Blues Explosion) e Ice One (produttore discografico, rapper e disc jockey). Dopo un’anteprima romana, i tre artisti tornano in pista arricchendo la dimensione live con un’installazione di schermi su cui saranno proiettate le immagini in diretta delle loro mani sugli strumenti e diverse rappresentazioni grafiche del suono (oscilloscopi, analizzatori di spettro…), ma anche un coinvolgimento delle persone in sala. Il rituale prevede un unico presupposto: l’improvvisazione pura. Un evento orientato alla vibrazione collettiva, alla partecipazione fisica e simultanea, per tornare insieme sul palco dando vita ad uno spazio di incontro unico e non ripetibile.

Emma Nolde (foto di Aurora Cestari)

Il tracciato di BIGLIA verso l’ideazione e l’innovazione di nuove performance dal vivo, continua dal 4 al 7 novembre e unisce per la prima volta sui palchi dei quattro live club del circuito due tra i più promettenti artisti italiani: Emma Nolde & Generic Animal. La prima – giovanissima polistrumentista, cantautrice e performer toscana – si è ritrovata catapultata nelle prime pagine dei giornali italiani grazie a “Toccaterra”, l’album d’esordio pubblicato da Woodworm/Polydor/Universal Music, tra elettronica, indie folk, nuovo cantautorato, pop influenzato da sonorità moderne e narrazioni fortemente intime e personali. Generic Animal, che all’anagrafe risponde come Luca Galizia, è anche lui giovanissimo ma con alle spalle già una collaborazione con La Tempesta Dischi per una canzone d’autore mista a trap, musica di difficile definizione, liquida e colorata, un pop lo-fi che attraversa età, generi e sentimenti. Emma Nolde e Generic Animal sono una coppia dagli spazi sonori diversissimi, in cui riverberi e armonizzazioni si uniscono a suoni crudi e grezzi. BIGLIA li presenta al pubblico sullo stesso palco, per la prima volta insieme, uno spettacolo unico in cui Emma suonerà per Generic e Generic per Emma. Una produzione a cura di Locusta Booking e la Tempesta Dischi.

Cuore e motore di BIGLIA è la promozione sul territorio di una cultura musicale più condivisa, per creare una partecipazione attiva allo spettacolo dal vivo anche attraverso percorsi che si svolgeranno in collaborazione con i due spazi teatrali coinvolti, tramite momenti di formazione e sperimentazione e per la realizzazione, fin dall’autunno, di sonorizzazioni, laboratori e residenze d’artista.

OvO (foto di Erica Schneider)

In occasione dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, è in arrivo il 28 ottobre presso il Salone Snaporaz di Cattolica la sonorizzazione dal vivo di “Inferno” (1911, 68′, regia di Bertolini, De Liguoro e Padovan), primo film italiano sulla Divina Commedia, kolossal muto che narra con fedeltà la prima cantica del capolavoro di Dante. A cimentarsi con la sonorizzazione saranno gli OvO, la band indie noise rock, sulla scena da oltre vent’anni, formata da Stefania Pedretti (ex Allun ed oggi anche ?Alos) e Bruno Dorella (ex Wolfango, oggi anche in Bachi Da Pietra e Ronin). Ambientazione dantesca, estetica “bizarre” e genuina ferocia del film, si fondono con il lato ironico e grottesco del duo rumorista ravennate, avvolti dalla cornice del Salone Snaporaz.

Da aprile a giugno 2021, BIGLIA ha già vissuto una prima fase sperimentale di cooperazione nella ideazione e realizzazione di FLOW – It’s bigger than Hip Hop, un laboratorio di musica hip-hop dedicato alle giovani generazioni, sotto la guida di So Beast e Menny. Il percorso di formazione (8 incontri) nato in collaborazione con il Teatro Comunale “Laura Betti” di Casalecchio di Reno ha visto la partecipazione di 15 ragazzi dai 15 ai 21 anni ed è stato promosso da ATER Fondazione/Teatro Comunale Laura Betti nell’ambito di Generazioni a Teatro 2021 con il sostegno della Fondazione del Monte e in partenariato con Locomotiv Club.

Presenti alla conferenza stampa: Oderso Rubini, Digital Humanities – Assessorato Cultura e Paesaggio; Patrizia Orsola Ghedini, Presidente ATER Fondazione; Roberto De Lellis, Direttore ATER Fondazione; Michele Giuliani – Locomotiv Club, Cira Santoro – ATER/Teatro Comunale “Laura Betti” di Casalecchio di Reno, Nicolò Fantini – Circolo Arci Kassel.

“Con questo progetto di Circuito regionale sulla musica, che rappresenta un inedito anche nel panorama nazionale, ATER Fondazione intende dare una risposta che è insieme politica, culturale ed economica – ha dichiarato la Presidente di ATER, Patrizia Orsola Ghedini. Occorre rompere il silenzio che si è abbattuto per 2 anni su questi luoghi, riportarli alla loro vitalità, sostenerne le proposte musicali, che riteniamo di grande qualità, consentire ai lavoratori di poter tornare alla loro attività, ampliare la platea degli spettatori appassionati e attrarre nuovo pubblico, promuovendo nel contempo i giovani artisti e i gruppi emergenti. Aver costruito il progetto in partnership con 4 tra i Live Club più importanti della nostra regione e con 2 teatri gestiti da ATER rende evidente anche la nostra volontà di operare sempre di più in una logica di rete, capace di promuovere i territori e gli attori protagonisti di queste esperienze, sperimentando così anche nuovi modelli di gestione delle iniziative.”

Gli spazi

I soggetti facenti parte del circuito BIGLIA sono: Locomotiv Club di Bologna, Bronson di Ravenna; Off di Modena; Circolo Arci Kessel di Cavriago (Re), e due spazi del Circuito Regionale Multidisciplinare di ATER Fondazione: il Teatro “Laura Betti” di Casalecchio di Reno (Bo) e il Salone Snaporaz di Cattolica (Rn).

Il programma 

ON (Sinigallia, Viterbini, Ice one)

21.10 – OFF, Modena

22.10 – Bronson Club, Ravenna

23.10 – Circolo Kessel, Cavriago (RE)

24.10 – Locomotiv Club, Bologna

Ingresso: 10 euro

Inferno vs. OvO

Sonorizzazione dal vivo del film Inferno (1911)

28.10 Salone Snaporaz, Cattolica (RN)

700 anni dalla morte di Dante Alighieri

Ingresso gratuito, con prenotazione

EMMA NOLDE & GENERIC ANIMAL

04.11 – Circolo Kessel, Cavriago (RE)

05.11 – Bronson Club, Ravenna

06.11 – OFF, Modena

07.11 – Locomotiv Club, Bologna

Ingresso: 10 euro

Informazioni di biglietteria

Le prevendite dei singoli spettacoli saranno online dal 24 settembre.

Accesso ai concerti

Ai sensi delle normative in vigore, per poter accedere ai concerti, esclusi i soggetti esenti, è obbligo esibire la Certificazione Verde (green pass) o l’esito negativo al virus Sars-CoV-2 di un test molecolare o antigenico rapido effettuato entro le 48 ore precedenti. È fatto divieto di ingresso agli spettatori con temperatura corporea pari e/o superiore a 37,5° C.

GNUQUARTET live all’Arena di Verona con DIODATO

Il quartetto ligure da Meta e De Gregori verso il nuovo album su Paganini

Tornerà all’Arena di Verona, questa volta davanti al suo pubblico per un grande evento il 19 settembre. Diodato, vincitore del Festival di Sanremo 2020, si esibirà in quella che sarà una ‘grande festa dell’anima’ accompagnato sul palco da tanti musicisti e colleghi che si alterneranno fra i migliori successi del cantautore di origine tarantina. 

Tra gli ospiti anche il quartetto ligure GnuQuartet, formato da Francesca Rapetti al flauto, Roberto Izzo al violino, Raffaele Rebaudengo alla viola, Stefano Cabrera al violoncello. Gli Gnu vantano diverse importanti collaborazioni, dagli Afterhours ai Baustelle, dai La Crus di Giovanardi a Neri Marcorè, da Ermal Meta a Francesco De Gregori con cui hanno condiviso i tour.

Gli GNU QUARTET

Con all’attivo la partecipazione in oltre 15 lavori discografici, gli GnuQuartet hanno già pubblicato 6 album e “Paganini – The Rock Album” di prossima uscita. Si tratta di un omaggio alla musica e alla figura umana ed artistica di Paganini, inarrivabile atleta delle quattro corde che ha segnato la storia musicale dell’800. Un lavoro originale e curioso, lontano dagli stereotipi e dalle semplificazioni, un azzardo, un gioco pieno di rispetto e di affetto per la prima rockstar di tutti i tempi. 

Il 19 settembre calcheranno il palco dell’Arena di Verona, a partire dalle ore 21, assieme a Diodato.

“Sono consapevole del periodo che abbiamo vissuto e stiamo vivendo con la volontà di proiettarsi al futuro – aveva affermato il cantautore in occasione del Diodato Day del 14 settembre -. Ne abbiamo bisogno e lho notato guardando negli occhi della gente ai concerti che ho fatto in queste due estati anormali. Dobbiamo riprenderci uno spazio interiore per far risuonare delle armonie”. 

Il concerto verrà trasmesso su Radio Italia Solomusicaitaliana, radio ufficiale dell’evento. 

Ode a Vicky Moscholiou e Metaxourgeio

Vicky Moscholiou era una cantante greca del quartiere Metaxourgeio di Atene. Durante la sua carriera, Moscholiou ha affascinato il pubblico con il suo incredibile talento e la sua bellissima voce. Oggi siamo entusiasti di condividere uno sguardo alla musica di Vicky Moscholiou e al quartiere da cui proveniva, Metaxourgeio!

Mentre facevamo ricerche su Vicky Moscholiou, ci siamo imbattuti in un brano particolarmente accattivante di questa artista: “Ta deilina”, che ho trovato assolutamente commovente nonostante la mia limitata conoscenza della sua lingua madre. Attraverso questa canzone, sentiamo molti degli aspetti delle sue capacità che hanno reso Vicky Moscholiou la figura più grande della vita nella musica che era. Anche se Moscholiou è morta nel 2005, la sua musica rimane per tutti da ascoltare e la sua vasta discografia merita di essere esplorata.

In molti modi, la rivitalizzazione di Metaxourgeio serve sia a ricordare il suo patrimonio – con una storia piena di artisti leggendari come Moscholiou, tra gli altri – sia a guardare al futuro. Il Metaxourgeio rivitalizzato è una destinazione culturale e artistica in crescita ad Atene, che si riflette positivamente sui talenti di coloro che ci vivono e su tutti i loro sforzi; un esempio lampante di un’attrazione da visitare qui è la Galleria Comunale di Atene, che presenta il lavoro degli artisti greci. Questo quartiere rinvigorito si è persino classificato tra i 50 migliori quartieri del 2018 di Time Out, arrivando al quarto posto! Mentre facevo ricerche su Metaxourgeio, mi sono trovata incantata dalla vivacità della cultura del quartiere e mi piacerebbe visitare io stessa questa meravigliosa comunità artistica unificata!

Potete esplorare il mondo di Metaxourgeio attraverso questo album fotografico e abbiamo la meravigliosa “Ta deilina” di Vicky Moscholiou incorporata qui sotto per il vostro piacere di ascolto! Speriamo che questo articolo speciale vi sia piaciuto!

tradotto da: https://www.whichcoast.com/reviews/an-ode-to-vicky-moscholiou-and-metaxourgeio

Nuovo singolo per KEVIN FOLLET: si chiama VOODOO

Torna l’esploratore sonoro veronese Kevin Follet con un nuovo singolo, il quarto estratto dal nuovo album che vedrà la luce entro la fine dell’anno.

Un altro viaggio, un’altra esperienza sonora, un’altra collaborazione.

Questa volta si serve di Sicarius Hahni per portare a compimento un’opera dal sapore martellante, quasi ossessivo.

È “Voodoo” il titolo della nuova produzione che sta per vedere la luce ed è accompagnata dal b-side “The Egg”.
Instancabile, Kevin Follet, perpetua nella sua inarrestabile produzione, nella creazione di un percorso in continua metamorfosi ed evoluzione che lo vede arrivare da lontano e che lontano lo accompagnerà.

Un singolo più forte dell’altro, per prendere di petto, testa e cuore, una barriera sonora, disintegrarla e, come in un rituale Voodoo, entrare a impadronirsi dell’anima all’ascolto.

Ancora una volta, il producer veronese mette a segno un colpo straordinariamente efficace.

Signori, segnatevi venerdì 17 settembre! Il folle Voodoo sta arrivando.
Kevin Follet è un esponente veronese della musica elettronica contemporanea distintosi per ricerca, innovazione e sperimentazione. Un artista dalle molteplici identità, che gli hanno permesso di prendere parte a numerosi progetti, proponendo un ventaglio di esperienze sonore incredibilmente vasto. Polistrumentista, dal ’92 ad oggi, ha fatto suoi i più svariati generi: elettronica, edm, idm, trip hop, sperimentale, drone, ambient, punk, jazz, crossover, post metal, sludge. Tra i progetti che lo vedono tuttora impegnato citiamo le band WOWS, Dark Inc. e Cavrones, come solista invece citiamo Viscera AV Show e Sleep Disorder AV Show, progetti che gli hanno consentito di esibirsi in tutta Italia ed anche all’estero. Dal 2010 è socio fondatore di Drummond Records, etichetta discografica di musica elettronica che ha all’attivo numerose produzioni ed un roster di oltre 25 artisti tra nazionali ed internazionali. Ha condiviso il palco con: Shigeto, Superpitcher, Petar Dundov, Arturo Hevia, Einmusik, Tim Paris, Brando Lupi, Ricardo Tobar, Ryan Davis, Tiger Rose, Eraldo Bernocchi, Naresh Ran, Hate & Merda, Bologna Violenta, Chrch, Mayhem, Storm{o}, Estatic Vision solo per citarne alcuni.

__________________________________________________________________________

https://kevinfollet.bandcamp.com/

https://www.youtube.com/user/kevinfollet

https://www.instagram.com/kevin_follet/

https://www.facebook.com/kevinfolletfanpage/

https://www.facebook.com/kevin.follet

Fonte: Liquid Press Ufficio Stampa

Rocker & Youtuber – La musica in video sharing (con i protagonisti italiani di Youtube). Il nuovo libro di FRANCESCO BOMMARTINI

Divulgatori, musicisti, insegnanti e intrattenitori che diffondono la musica attraverso Youtube: questo è il fulcro del nuovo libro (il quarto) del giornalista veneto Francesco Bommartini, dal titolo Rocker & Youtuber”, disponibile sulle principali piattaforme digitali (Amazon, Ibs…), nelle librerie e – al prezzo calmierato di 13 euro con un cd omaggio e dedica – inviando una mail ad ArtCorner (artcornermusic@gmail.com).

“Ho intervistato alcuni tra gli Youtuber italiani più rilevanti”, spiega Bommartini, “scandagliando la loro passione per la musica e le loro idee sulla piattaforma che utilizzano per veicolarla”. Tra preferenze e modalità di approccio, nel libro sono riportate decine di dietro le quinte e curiosità sulla musica dentro Youtube in Italia. La copertina è opera del grafico Enrico Gastaldelli. Il libro è sostenuto da ArtCorner Music. I protagonisti intervistati nel volume sono accomunati dalla competenza in campo musicale e da un seguito importante sulla piattaforma di video sharing che fa capo a Google. Eccoli:

Andrea Boma Boccarussochitarrista ed insegnante metal oriented

Bernardo Grillobatterista ed insegnante di batteria dall’attitudine rock.

Claudio Cicolinchitarrista ed insegnante, gestisce il sito lezioni-chitarra.it.

Domenico Bini (cantautore classe 1960, comunemente conosciuto con l’appellativo di “Maestro”.

Daniele Montesi dei The Suckerz (divulgatore musicale rivolto ai giovani, tra elettronica e metal.

David Carelse di Chitarra Facile il canale dedicato al mondo della chitarra.

Danny Metalmetal god che coverizza brani impensabili e moolto radiofonici.

Enrico Silvestrinex vj di Mtv, ora attivo con il canale Alive.

Gianluca Grazioli di Metal.it, giornalista, dedito da circa 30 anni alla causa del metallo

Vinilicamenteil canale di Johnny, dedicato al vinile, con consigli di musica e approfondimenti tecnici.

Ma ci sono anche gli approfondimenti su: divulgatori stranieri (tra i quali Rick Beato a Anthony Fantano); i video musicali più visti su Youtube (a cura della giornalista Floriana Ferrando); la visione estera; le criticità relative alla concezione musicale classica che si scontra con Youtube e un’intervista esclusiva alla creatrice di What’s in my Bag

Da marzo 2020 Francesco Bommartini ha anche creato il proprio canale Youtube, in cui parla di musica tra interviste, approfondimenti, top 3, unboxKing e reaction. Un modo differente di fare giornalismo, che gli ha permesso di testare con mano il rapporto tra musica e Youtube. E di scrivere con maggiore profondità Rocker & Youtuber.

Francesco Bommartini è giornalista pubblicista. Esercita la professione da circa 15 anni, sia offline che online. Collabora con Il Fatto Quotidiano, Heraldo e portali web, fondando nel 2003 una delle prime webzine: UnderGround zOne. In passato ha pubblicato su Il Mucchio, Rumore, ExitWell, Classix e ha scritto due libri sulla musica italiana degli ultimi 20 anni (Riserva Indipendente Fuori dalla Riserva Indipendente) oltre a Verona Rock, a 4 mani con il critico rock Gianni Della Cioppa. E’ giudice delle Targhe Tenco dal 2014 e lavora come content strategist, copywriter, social media specialist.

MASE SAM JACKSON: il nuovo album

Ecco la presentazione del nuovo album di Mase Sam Jackson, Ceo / produttore esecutivo / proprietario / fondatore dell’etichetta musicale Big Roach Records dal 1990.

L’opener, “And Still”, è martellante, ma liscia e setosa, offrendo un assaggio di ciò che è in serbo nei sontuosi momenti del disco che deve ancora venire. “You Never Know” introduce un piano ambient in stile classico con batteria trap in una sublime miscela di botto e melodia.

“Why Me” porta su hi-hat sferraglianti, bassline mormoranti e dolci onde di ambiente synth. La title track, “The Hold Up”, è quasi sinfonica nel suo approccio introduttivo, finché il motivo ripetuto del piano e le percussioni la portano nell’idioma urbano del XXI secolo. È meraviglioso come sembra.

“Faces” sbatte ancora più forte, ma mantiene ancora l’atmosfera liscia del piano di MASE SAM JACKSON. È uno stile unico che è fluido e graffiante allo stesso tempo.
La tastiera che gira aggiunge un tono ultraterreno al lento ritmo hip-hop di “Pepp Talk”, mentre lo splendido piano domina il paesaggio sonoro di “St. Drop Off”.

La traccia finale, “Run Jump” capovolge il modello sonoro, con l’introduzione di strumenti a corda, dando al pezzo un tocco esotico. Nonostante contenga groove che inducono al sorriso e una produzione scintillante, l’umore persistente in questo album è rilassato.

Questo sentimento è portato fuori abilmente nella struttura minimale dell’album; costruita principalmente su pianoforti, percussioni e pad di synth. Tutto scatta al suo posto. MASE SAM JACKSON ha creato un set musicale sobrio, ma stupefacente. Woozy introspezione e motivi melodici si avvolgono intorno ai beat in atmosfere inebrianti che sembrano ricordi lontani che suonano in tempo reale.

In “The Hold Up…”, un nesso di stili e influenze sono accuratamente assemblati in strumentali altamente nostalgici ma totalmente freschi.

TONEBLEED: l’app per creare musica a distanza è in beta test. Link disponibile.

Hai una band?

I Tonebleed sono un gruppo di metallari amanti della musica e stanno lavorando per risolvere un problema epico. Stanno infatti lavorando a un’app dedicata alle band, che le aiuti a creare musica migliore e a comunicare in modo più efficace.

Si tratterà di uno strumento unico nel suo genere, quindi se stai cercando di portare la tua band al livello successivo, puo’ esserti utile! “Vogliamo aiutare i musicisti a fare musica migliore dando loro accesso al proprio sistema personale di gestione dei riff. Ciò consentirà loro di collaborare a distanza con altri membri della band o di altre band sulle canzoni che hanno scritto. Ti invitiamo nella nostra community per aiutarci a rendere questo strumento davvero eccezionale e utile a tutti”, dicono.

In realtà l'”Idea base” è stata messa a punto ed è ora testata in condizioni reali. Presto ci sarà un BETA Test per i musicisti interessati.

Puoi iscriverti alla versione beta su (http://tonebleed.com/) e se hai commenti o suggerimenti su quali funzionalità vorresti aggiungere, lasciali!

Partecipa alla discussione nel gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/TonebleedBandOfficialGroup

segui Tonebleed su Facebook https://www.facebook.com/Tonebleed/

segui Tonebleed su Instagram https://www.instagram.com/tonebleed_band_software/